…fossero tutti così

Ho ricevuto questa bella mail, consapevolmente triste, ho risposto 2 cose:
una se era vera..
due se potevo pubblicarla.
Mi ha risposto che esiste e poi questo: Non avevo scritto la lettera con l’intenzione che la pubblicassi, volevo solo confrontarmi e magari trovare delle risposte…non so davvero dove andare a sbattere la testa. Ma fai come vuoi, puoi anche pubblicarla.
………………………
Finite le scuole superiori sto pensando alla mia carriera universitaria, amo moltissimo gli animali e mi piacerebbe fare il veterinario. Mi sono informato presso la facoltà e mi è stato detto che l’attività di controllo degli alimenti presso un macello è obbligatoria. Occorre imparare a fare la visita all’animale prima dell’uccisione e dopo. Ditemi come posso guardare negli occhi un amico che verrà ucciso a breve senza poter fare nulla. Non credo di poterlo fare ma così perderò una possibilità preziosa di aiutare i nostri amici a quattro zampe. Perchè io credo davvero che siano esattamente come noi, che provino le stesse cose, che abbiano il nostro stesso desiderio di vita. Da un pò non mangio più carne, ne ho il disgusto. Non credo che sia sbagliato cacciare per sopravvivere come facevano i nostri antenati, ma gli uomini primitivi cacciavano solo per il loro sostentamento e ringraziavano l’animale ucciso. Lo sfruttamento degli allevamenti è invece una cosa orribile. Gli animali vengono costretti a vivere imprigionati tutta la vita e sono uccisi con l’inganno senza possibilità di difendersi e scappare. Al colloquio di orientamento mi è stato detto che non è niente di speciale e che la maggior parte lo supera senza problemi. Ma evidentemente non mi hanno individuato bene perchè quando ho detto che mi sarebbe piaciuto lavorare in un centro di riabilitazione di animali selvatici mi è stato risposto così: “sì anche un mio amico si occupa del contenimento dei cinghiali, cioè uccide quelli di troppo”. Non so con quale ipocrisia l’essere umano si permetta di sconvolgere l’ordine naturale e di rimediare facendo ancora più danno. L’unico animale che è di troppo su questo pianeta è l’essere umano ma giustamente a nessuno verrebbe mai in mente di eliminare qualcuno per contenere la popolazione…allora perchè lo si fa con gli altri animali? Sarei disposto a girare il mondo per trovare una facoltà che non utilizza animali provenienti dal macello per le esercitazioni e che non prevede le esercitazioni in esso ma credo che sia impossibile anche se il mio desiderio di curare gli animali è grande. Credo che tutti dovremmo lottare per risparmiare al medico veterinario di passare in questo inferno.

Condividimi!